30 Alberi per tornare

Piazza de L'Emiciclo, Villa Comunale | L'Aquila
2019

"30 Alberi per tornare" è un'installazione dimostrativa che punta a sensibilizzare sul tema del verde pubblico e della necessità di spazi di ritrovo in una città in via di ricostruzione. 
Questa l'idea di un gruppo di studenti arrivati a L'Aquila per un workshop di 5 giorni a 10 anni dal sisma che ha gravemente lesionato la città provocando l'evacuazione di 65000 più persone. La città è cambiata da un momento all'altro, parte della popolazione residente si è spostata, la vita sociale si è lentamente ricostruita, la ricostruzione fisica è decollata dopo anni di secca.
I processi di costruzione richiedono tempo, la città si nutre delle persone che la vivono e delle situazioni culturali che vengono messe loro a disposizione, c'è bisogno di uno scambio costante.
Qual è il ruolo degli architetti in un simile contesto?
Progettiamo lo spazio pubblico piantando temporaneamente 30 alberi nella piazza del Consiglio Regionale Abruzzese per far arrivare il nostro messaggio fino all'Assemblea amministrativa.
Piantare alberi per piantare semi e radici nel nuovo tessuto sociale della città rinnovata.

 
L'attività è stata promossa dall'Organizzazione internazionale EAHR - Emergency Architecture & Human Rights e ha rappresentato il primo passo di una nuova e proficua collaborazione.
Altri partner e/o sostenitori: IAUV - Master Emergency & ResilienceABAQ - Accademia di belle Arti L''aquilaConservatorio "A. Casella" L'Aquila, Liceo Artistico Statale “Fulvio Muzi”.